Recensioni

LUCA QUARESMINI “Equilibrio luminoso: l’arte di Enzo Archetti al tempo del covid19”

Equilibrio: la più recente ricerca artistica del valente pittore bresciano Enzo Archetti, con studio a in città, al civico 53 di Via Vittorio Veneto, gravita intorno a questa parola, densa di significati. In tempi precari, anche a motivo dell’ancora aleggiante crisi sanitaria emergenziale, dovuta all’espandersi della nota pandemia da Covid 19, il concetto di una armoniosa stabilizzazione pacificatrice tra scatenati elementi frapposti e contrapposti, è l’indovinata sintesi di una possibile appropriatezza, legata alla contemporaneità, nel modo, cioè, dove la stessa […]

AGOSTINO GARDA ………… c o m e l ‘ a r i a

Già la filosofia presocratica, interrogandosi sugli elementi costitutivi dell’essere e del mondo, quindi della vita, con acqua, terra e fuoco aveva collocato l’aria tra i quid essenziali. Noi, dopo secoli e secoli, ne siamo fruitori, talvolta dissipatori e raramente, se non in occasione di eventi calamitosi, prendiamo coscienza del loro giusto valore. Quando dobbiamo parlarne ricorriamo a formule chimiche e, sempre più concentrati nello sforzo di definire, contenere e misurare, citiamo numeri e dimensioni. Rappresentarli è altro. Soprattutto per l’aria […]

MATTEO MANCABELLI “Alla corte dell’ultima regina”

(febbraio 2019) E’ una luna alta nel cielo quella che stanotte illumina la terra e tutta la bellezza in essa custodita. Così è il volto di quella donna che, ammaliata da tanto splendore, ci si specchia e riluce di nuova giovinezza. Sono questi i primi pensieri che sgorgano dalla mia mente quando osservo le opere di Enzo Archetti, una sorta di favola meravigliosa che si sprigiona dalle sue tele e dai suoi colori sapientemente orchestrati. Dunque perché non farsi catturare […]

ELENA ALBERTI NULLI 

Oggetto: Un pensiero per te Caro Enzo, grazie infinite per il dono del libro. Stupendo. Ne sto godendo l’armonia inquieta, velata di malinconia nel linguaggio di segni e colori di speciale intensità mistica. Mi piace la costante ricerca di un equilibrio compositivo nel disegno sottile e dinamico. Le forme appaiono leggere, senza peso in una linea precisa e ondeggiante, fatte d’aria, lontane atmosfere di un mondo sognato. Che meraviglia. Mi incanta l’infinito del cielo negli occhi delle donne, luce e […]

GIUSEPPE RASPANTI

(febbraio 2019) Enzo Archetti non dipinge, viaggia; non colora, immagina; non descrive, pensa. Porge i pensieri nella loro forma visibile, quasi plastica e convoca gli elementi della scena del mondo invitandoli ad essere se stessi. Senza infingimenti e senza sciocche vergogne. Archetti non spiega, narra. E lo fa seguendo il filo, un filo che viene da un ‘chissà dove’ che ha un sapore ancestrale e che è proteso verso un ‘chissà dove’ dal sapore simile a quello del destino. Nelle […]

GABRIELE GABBIA

 (maggio 2010) Scrivere della pittura di Enzo Archetti è come obbedire al dettato di un carme ispirato e copioso: è questa la cifra che propugna la sua arte; è questo che egli ha attuato camminando per via: inverare l’Assoluto nello spazio limitato della tela; sciorinare con grazia ed inusitata eleganza la presenza regale e misteriosa della muliebrità nel creato; districare con caparbietà ed infine risolvere in pittura quelle dicotomie esistenziali così assidue nell’esperienza quotidiana per volgere lo sguardo – attraverso […]

MARTA MAI “Enzo Archetti”

(3 gennaio 2010) Ci allontaniamo dal grande e luminoso studio-bottega di ENZO ARCHETTI in uno stato di compresa euforia: abbiamo assistito ad uno spettacolo del tutto gratificante, che ci ha allietato la vista e suscitato emozioni positive. Lo rivediamo con gli occhi della mente. Le tantissime opere, spesso di grandi dimensioni, sovrapposte alle lunghe pareti, richiedono un ritmico lavoro di trasferimento, al fine di essere visionate. Si susseguono e ci aspirano in una ansiosa aspettativa, che, ad ogni passaggio, rinnova […]

FAUSTO LORENZI “Frammenti d’infinito”

(Giornale di Brescia 22-2-2007) …“E’ un libro d’artista illustrato con 44 lavori pittorici su tela, in cui la parola scritta diventa ritmo dell’immagine e l’immagine torna a sciogliersi nel flusso della scrittura. Il viaggio, in un artista che già ci aveva dato “pagine di diario” in pittura, è appunto tra frammenti d’esistenza, piccole occasioni quotidiane, opacità e barlumi di luce. C’è un linguaggio plastico della favola o poesia –ci dice Archetti con la sua operazione-, un’-evidenza- che non rifiuta nessun […]

MAURO CORRADINI “In bilico tra figurazione e astrazione”

(Bresciaoggi 13-12-2005) E’ in bilico tra figurazione ed astrazione Enzo Archetti, così come, nella formazione, è rimasto a lungo in bilico tra letteratura e ricerca artistica. Attivo da oltre trent’anni, Archetti è venuto definendo il suo stile attuale attraverso una semplificazione delle forme, una pittura che sa di muri e di calce, una pittura che sul fondo di tracce, in una certa misura corrose e rese diverse dal tempo, si stagliano immagini, figure, icone di una memoria inquieta, alla ricerca […]

GIANNI QUARESMINI “Oltre l’orizzonte: il silenzio sospeso”

(settembre 1997) Le opere di Enzo Archetti sono avvolte in un’atmosfera misteriosa, in un silenzio irreale. Non si tratta di taciturnità e neppure di quiete o di pace. E’ l’inquietudine dell’”oltre”, dell’”al di là”, dello sguardo di traverso che cerca un orizzonte che nel quadro non c’è, e quindi si può solo intuire; un orizzonte che forse non c’è davvero, che diventa metafora del “silenzio” che incombe e ci aspetta. Ed è la mancanza della fisicità di questo orizzonte rapportato […]

FAUSTO LORENZI – SEGNI, NON SOGNI DEL TEMPO

(gennaio 1995) Una grazia un po’ ruvida, un pudore scontroso ed essenziale trattiene Enzo Archetti dall’amplificare l’energia delle sue dissonanze pittoriche. Figure araldiche, dame eleganti, fiori e poveri elementi di “natura in posa” appaiono come suggestioni oniriche, spesso lievi, eteree ed evanescenti, entro una cornice di materia densa, vangata o “tirata su” a muro, come vi fosse consonanza, qui sì, tra geologia della natura, artigianato murario e fibra della pittura. Arte di fantasmi preziosi, di illusioni fuggevoli, e arte eminentemente […]

FERDINANDO ARISI

(agosto 1983) Verso l’isola dei sogni evaporano i desideri, sale della vita; fluttuano senza peso sopra passi d’incanto: i “paradisi” di Archetti. Fanciulle splendide, diafane come ectoplasmi, oscillano sotto veli e trine, e cappelli dalle grandi ali di farfalla. Dolce è la voce dei colori, nel silenzio del mezzogiorno. Un aquilone ondula nella luce che dilaga; senz’ombra la sedia a sdraio sulla spiaggia; senz’ombra la panchina nella piazza: è l’ora di Pan. Sono composizioni chiarissime che recuperano estenuati languori preraffaelliti […]

IL GRANDE UNIVERSO DI ARCHETTI (Brescia Life)

(20 settembre 2010) “L’oro viaggia da solo e si deposita dove sa di essere ben accolto. Vola leggero, luminoso, impercettibile, ma quando si ferma detta legge, non accetta compromessi, vuole essere il protagonista assoluto. Una ventata d’oro arriva senza bussare e, come per magia, i colori le lasciano tutto lo spazio, che richiede: ormai non discutono più, compreso il rosso che è sempre stato il colore più energico e aggressivo. I colori poi s’inchinano tutti davanti all’oro perchè sanno che […]